Sentiero Servanot- Monterosso Grana

Il cammino nei cerchi lugo il sentiero dei Servanot
Il cammino nei cerchi

Il Sentiero dei Servanot

Partenza: Monterosso Grana dal cimitero (730 m) – clicca qui

Dislivello: 120 m circa

Difficoltà: F

Lunghezza: 6,2 km circa

Giro ad anello: si

Note Tecniche: il sentiero dei Servanot è pianeggiante ed è percorribile tutto l’anno a piedi, a cavallo o in mtb. Inoltre, è un percorso adatto ai bambini ed alle famiglie. Le indicazioni sul sentiero sono precise e curate nei dettagli.

Il sentiero è un percorso didattico, una vera aula nel bosco.

 

Oggi è una splendida giornata d’autunno e decido di non allontanarmi molto da casa. Mi dirigo verso la Valle Grana, supero l’abitato di Caraglio e di Valgrana e, poco dopo, mi fermo nei pressi del cimitero del Comune di Monterosso Grana. Ecco la partenza dei Sentiero dei Servanot.

Che cos’è, chi è il Servanot

Il Servanot è un personaggio in parte animale ed in parte uomo che abitava nei boschi di Monterosso Grana. Così dicono le storie di un tempo!

Mappa del sentiero

Nei pressi del cimitero di Monterosso Grana è presente il primo pannello con la mappa del sentiero dei Servanot. Il percorso è suddiviso in tre zone:

Mappa sentiero dei Servanot
Mappa del sentiero dei Servanot

1. Il bosco dei castagni

Si parte dalla Cappella di San Sebastiano, purtroppo chiusa. Al suo interno si trovano gli affreschi di Pietro da Saluzzo del 1468 che raccontano le storie appunto di San Sebastiano.

Inizio quindi la camminata e vedo il primo di una cinquantina di pannelli indicatori. Si tratta proprio di Lou Servanot che ci accompagnerà lungo il percorso raccontandoci varie storie e di come si viveva a Monterosso, che nel dialetto locale si chiamava Bourgat.

La prima storia quella di Petin Minin vi stupirà!

I colori intorno a noi, sono uno spettacolo della natura!

Colori del bosco
I colori del bosco

Questi prati alla nostra sinistra sono i cosidetti Counsei.

Il primo albero che incontro è il Pero (Lou Prusie) che cresce e si sviluppa naturalmente in Europa.

Il perso sul sentiero dei Servanot
Il pero

Poi mi addentro nel bosco di castagni. Il loro frutto, le castagne, erano l’alimento base di un tempo, che permetteva alle persone comuni di sopravvivere.

Il bosco di castagni del sentiero dei Servanot
Il bosco di castagni nella prima zona del sentiero dei Servanot

Superato uno strano albero, mi raccomando non lasciatevelo sfuggire, svolto a destra e raggiungo, prima la porta dei segreti e poi, l’aula nel bosco.

la porta dei segreti
La porta dei segreti – sentiero dei servanot

Qui, non ci sono banchi, ma solo dei trochi e dei pannelli di legno su cui sono attaccati i lavori, i disegni dei bambini.

Voi sapete come si stabilisce l’età di un albero e come si formano gli anelli? Allora, venitelo a scoprire nel bosco dei Servanot!

Qua e là trovo dei nidi intrecciati con i rami secchi, disegni di ragni, farfalle ed altri insetti.

Poco più avanti un’Opera Land Art di Cristina Saimandi.

Ed eccoci alla Foundario, luogo dove vivevano due mendicanti, di cui Luo Servanot ci racconterà la storia.

Foundario
Foundario nella prima zona del sentiero dei Servanot

Arrivo poi a dei campi, che un tempo erano ricoperti d’acqua: i Nais ovvero gli stagni.

Qui alcune installazione temporanee Land Art: “siamo fili che si uniscono in corde, siamo corde che si intrecciano in sfere, siamo sfere interconnesse nell’universo in una rete invisibile di spazio e tempo“.

Di cosa si tratterà?

2. Sardoulin

Il sentiero dei Servanot prosegue a sinistra. Incontro il silicone, un piccolo rivolo, il pioppo nero, il nocciolo ed il noce. Per fortuna ci sono i pannelli, perché avrei avuto dei seri problemi a riconoscere questi alberi.

Ecco che giungo a Borgata Quagna a 756 m, alle cui spalle pare ci siano diverse cave.

Borgata Quagna sul sentiero dei Servanot
Borgata Quagna a Monterosso Grana

Ora percorro un tratto su strada asfaltata e poi svolto a destra, nuovamente su un piccolo sentiero, che percorre il Vallone della Cumbo.

Sentiro che percorre il Vallone della Cumbo
Sentiero Vallone della Cumbo

Altri numerosi pannelli, mi aspettano, per arricchire le mie conoscenze sulle varie piante presenti in questa seconda zona del sentiero dei Servanot.

Mi colpisce poi, una croce, nel bel mezzo del bosco con su scritto “Dio proteggi chi ti ama”. Questo era il punto in cui si sostava, in attesa dell’arrivo del prete, per i funerali della Cumbo.

Ecco poi la casa di Lou Servanot, chiamata Sardoulin. Si tratta di una tana che dovrete trovare.

Stupenda la vista su Monterosso Grana, immersa nei colori autunnali.

Monterosso Grana visto dal sentiero dei Servanot
Il paese di Monterosso Grana visto dal sentiero dei Servanot

Più avanti incontro alcuni amici del bosco, molto molto curiosi e simpatici!

Eccone un altro.

Un amico del bosco
Amico del bosco

Nel bosco, dovete aguzzare la vista per non perdervi nemmeno un Sarvanot.

A destra, la stradina Vio dei Mort, dove nasce il Cammino nei Cerchi. Qui 4 cerchi rappresentano le stagioni della vita.

Il cammino nei cerchi lugo il sentiero dei Servanot
Il cammino nei cerchi

Ritorno all’inizio di questo sentiero ripercorrendolo tutto e mi butto nella caccia al tesoro dei Servanot.

Eccone uno in mezzo agli alberi che mi guarda indispettito.

Servanot tra gli alberi
Servanot

Sono giunta alla fine della seconda zona del sentiero dei Servanot di Monterosso Grana.

3. Bestie e Bestiette

Proseguo sulla strada asfaltata e giunta alla cappella di San Giovanni, svolto a destra.

Cappella di San Giovanni
Cappella di San Giovanni – terza zona del sentiero dei Servanot

In questa terza zona trovo molti animali (sagome) ad accogliermi. Alcuni però sono difficili da individuare per cui i bambini potranno divertirsi a cercarli.

Cartelli con indicati gli animali del bosco da cercare
Gli animali del bosco da cercare

Cammin facendo giungo a Fraz. Mioia a 745 m e successivamente al cimitero di Monterosso Grana.

lepre
lepre

Il sentiero dei Servanot è una bellissima passeggiata, adatta a tutte le età. Percorrendolo si può respirare serenità, pace, ed aria buona. Un percorso dove si può fantasticare, credere a questi racconti come se si vivesse in un’antica fiaba. I bambini, ma non solo, impareranno a conoscere gli alberi e gli animali.

 

Download file: sentiero-dei-servanot.gpx

 

Erika Ambrogio
Informazioni su Erika Ambrogio 197 Articoli
Super Advisor del circuito PiemonteNet e Advisor PiemonteAlps . Amo gli animali, la natura e tutto ciò che ha a che fare con la montagna.