Via Toni – Monte Lausa – Valle Maira

Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Monte Lausa - Via Toni
Tempo di lettura: 5 minuti

Data: 10/09/2022

Partenza: Grange Collet – Chiappera (2020 m)

Quota massima: 2891 m

Dislivello complessivo: 825 m

Sviluppo della via: 540 m

Difficoltà: max 5c – 5c obb.

Curiosità: via aperta da I. Barbarito e A. Meinero nell’autunno del 2019

Attrezzatura: rinvii, fettucce per le soste, corde da 60m, utili frieds piccoli

Accesso: dirigersi in Valle Maira. Superare l’abitato di Acceglio e proseguire per Chiappera.

Avvicinamento:

Partiamo da Grange Collet che ci sono appena 4°C.  L’aria è gelida, anche perché da parecchio tempo non siamo più abituati a queste temperature.

Partenza

Poco dopo teniamo la sinistra seguendo il sentiero T13 Colle del Maurin.

Sentiero T13 Colle del Maurin

Già si intravede in lontananza sulla destra la nostra meta, ovvero il Monte Lausa.

Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Monte Lausa a destra

Proseguiamo sulla via T13 fino a quando ci troviamo sulla destra il Monte Lausa, ancora in ombra. Il cielo si è annuvolato e la temperatura non accenna a salire.

Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Monte Lausa

Scorgiamo in basso un rio. Lo raggiungiamo e lo attraversiamo tenendoci praticamente sotto il Monte Lausa ma, sulla sinistra dello stesso.

Verso il Rio

Giunti nella pietraia, scorgiamo alcuni ometti che ci portano sotto il Monte Lausa. Superiamo un primo canale di pietre e poi un secondo.

Secondo canale

Sono sicura che siamo nel posto giusto. Infatti, osservando la roccia, sulla parete di destra, troviamo l’attacco della Via Toni, con un cordone sul primo split.

Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Attacco della Via Toni Monte Lausa

Abbiamo fino a qui percorso 500 metri di dislivello, in poco più di un’ora.

Passiamo le corde, indossiamo imbrago e casco e prendiamo tutto il materiale occorrente dai nostri zaini.

Descrizione via:

1° tiro: superare il muretto iniziale, poi placca verso destra, un muretto, un diedro verso sinistra ed un ultimo passaggio su placca con catena. Usciti dalla placca si trova la sosta a 2 spit – 40 mc – 5c

2° tiro: affrontare un breve muretto, poi raggiungere una zona con erba, superare un altro muretto, e dopo il secondo prato raggiungere la sosta (2 split con catena) contro la parete – 35 m – 4a

3° tiro: salire sulla prima placca fino ad uno strapiombo. Uscire tenendosi a sinistra sempre su placca fino alla sosta (2 split con catena) – 35 m – 5b

4° tiro: salire su una breve cresta e poi affrontare una placca ed uno strapiombo che si supera uscendo su placca fessurata. Raggiungere la sosta (2 split con catena) – 45 m – 5c

5° tiro: proseguire su placca sino alla sosta (2 plit con catena) – 50 m – 5b

6° tiro: salire verso sinistra su placche intervallate da erba e cengette, sino a quando si arriva sotto una piccola cima dove è presente la sosta (2 split con catena) – 60 m- 3c

7° tiro: superare la piccola cima, tenere dapprima la sinistra e poi la destra tra erba e rocce fino alla sosta (2 split con catena) – 50 m -3a

8° tiro: trasferirsi puntando dritto fino a sotto un muro strapiombante dove c’è la sosta (2 spit) – 25 m

9° tiro: salire il muro che si trova a sinistra della sosta. Continuare a sinistra. Poi proseguire diritti in un diedro. Uscire su placca e poi sostare (2 spit con catena) – 35 m – 5b

10° tiro: superare a destra una placca e rampa e poi un muro verticale. Uscire a destra e sostare sul filo di cresta (2 spli con catena) – 35 m – 5c

11° tiro: salire la placca leggermente verso destra fino alla sosta (2 split con catena) – 60 m – 3a

12° tiro: procedere su placche verso destra fino sotto ad un muro dove si sosta (2 split con catena) – 60 m – 2a

13° tiro: attaccare la parete a destra, salire una fessura verticale uscendo a destra su un piccolo terrazzino. Proseguire su un diedro non facilissimo ed uscire sulla cima. La sosta (2 spit) si trova di fianco al cippo di pietre – 45 m -5c

Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Inizio 1° tiro
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Placca con catena 1° tiro
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
3° tiro – placca con strapiombo
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
4° tiro Via Toni
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
5° tiro Via Toni
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
8° tiro – trasferimento sotto la parete di roccia
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Partenza 9° tiro a sinistra della sosta
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
Inizio 10° tiro Via toni
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
12° tiro Via Toni
Via Toni - Monte Lausa - Valle Maira
13° tiro Via Toni

Discesa:

Arrivati presso il cippo di pietre dopo circa 4 ore e 20 minuti di arrampicata, ci rilassiamo e pranziamo.

Monte Lausa Via Toni

Da quassù posso ammirare alcune delle mie vette preferite, che ho già raggiunto: il Buc de Nubiera, il Brec de Chambeyron, l’Aiguille de Chambeyron e la La Tête de la Frema.

È ora di ripartire. Scendiamo il primo pendio piuttosto ripido, seguendo delle canne e qualche ometto. Ci inoltriamo in un primo canale per pochi metri e poi continuiamo a destra dove compare nuovamente qualche ometto. Cerchiamo di non lasciarceli sfuggire.

Discesa dal Monte Lausa

Raggiungiamo così all’ancoraggio per la doppia da 30 m. Non è obbligatoria ma sicuramente facilita la discesa. Da qui proseguiamo nel canale successivo e senza problemi perveniamo prima alla pietraia e poi al pianoro.

Ora seguiamo la via fatta in salita.

Ammiriamo ancora una volta il Monte Lausa e le linee della via di arrampicata, Via Toni, appena affrontata.

Ripercorrendo il sentiero T13 possiamo godere di una splendida vista sul gruppo Castello-Provenzale.

Gruppo Castello -Provenzale

Download file: monte_lausa_via_toni.gpx
Erika Ambrogio
Informazioni su Erika Ambrogio 202 Articoli
Amo gli animali, la natura e tutto ciò che ha a che fare con la montagna.