Rocca Croce Provenzale – Via Normale – Valle Maira

Rocca Croce Provenzale - Via Normale - Valle Maira
Rocca-Croce-Provenzale
Condividi questa pagina
  • 40
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Data: 18/07/21

Partenza: Chiappera (1660 m), Acceglio (CN)

Quota massima: Rocca Croce Provenzale (2402 m)

Dislivello: 720 m circa

Difficoltà: PD

Lunghezza: 6 km circa

Giro ad anello: no

Note Tecniche: la via normale è attrezzata con spit. Si raccomanda concentrazione e prudenza.

Curiosità: la Rocca Provenzale fa parte del Massiccio Provenzale/Castello costituito da altre tre vette, quali Punta Figari (2345 m), Torre Castello (2448 m) e Rocca Castello (2452 m).

 

Oggi, considerato che non abbiamo programmato nulla di preciso, optiamo per un’escursione che non ho mai affrontato prima, ovvero la “via normale” di Rocca Croce Provenzale, che da sempre sento chiamare come “La Provenzale”.

Da Cuneo, in direzione Dronero, imbocchiamo la Valle Maira. Percorriamo la lunga strada sino a Chiappera e proseguiamo oltre. Non svoltiamo verso il Campeggio “Campo Base” ma, al bivio, manteniamo la destra, verso il Vallone del Màurin. Superate due curve parcheggiamo nei pressi di un cartello che ci indica ” T 17 Colle del Rui – T 12  Colle Greguri”.

Partenza-Escursione-per-Rocca-Croce-Provenzale

Il primo tratto di sentiero si fa subito sentire, in quanto presenta notevoli pendenze. Percorriamo circa 180 m di dislivello, in una via poco evidente a causa dell’erba alta, e così facendo ci troviamo presso la prima parete della Rocca Croce Provenzale.

Rocca Croce Provenzale - Via Normale - Valle Maira
Rocca-Croce-Provenzale-vista-dal-sentiero-iniziale

Non ci sono segni di dove sia l’attacco della via normale vera e propria, pertanto iniziamo a prendere confidenza con la roccia ed affrontiamo i primi passi di II°. Non ci sono moltissimi appigli, ma con un po’ di concentrazione, riusciamo a procedere.

Si consiglia imbrago, corda e rinvii, in quanto tutta la via, scopriamo poi essere attrezzata.

Superata questa parete perveniamo presso un ripiano, in cui è presente un rudere. Siamo al Prato Stella.

Da qui è ben visibile l’abitato di Chiappera, il Lago di Saretto, il Monte Freid, l’Auto Vallonasso, l’Oronaye e Punta Le Teste.

Chiappera-Lago-di-Saretto-ed-altri-monti

Alcuni bolli rossi, un po’ sbiaditi, ci indicano il percorso. Superiamo alcune cenge e placche. Il cielo sopra di noi è di un azzurro intenso.

Rocca Croce Provenzale - Via Normale - Valle Maira
Placche

L’importante è evitare di intraprendere questa escursione, in caso di pioggia e nebbia. Il tracciato non è infatti così evidente e rocce bagnate, favorirebbero scivolamenti.

Alcuni tratti sono più facili da superare, altri più esposti richiedono particolare attenzione.

Rocca Croce Provenzale - Via Normale - Valle Maira
Altri-tratti-della-Provenzale

Pensavo di essere quasi in cima, invece scopro che la gita non è ancora finita!!

Manca tutta la cresta vera e propria!! Cerchiamo di non perder di vista i bollini rossi anche se non sono facilmente individuabili. Il tratto più impegnativo è un muro con un piccolo tetto (passaggio di II+).

Passaggio-di-II+

Continuiamo la nostra salita ed arrampicata, mentre ci accompagna il fragore dell’acqua, o meglio delle cascate di Stroppia.

Rocca Croce Provenzale - Via Normale - Valle Maira
Tratto-finale-Rocca-Croce-Provenzale

Sono emozionata, e non vedo l’ora di essere sulla vetta. Poi ad un tratto vedo la croce, ci siamo!!  Rispetto alle altre croci, questa mi stupisce, in quanto è colma di pietre. Chissà perchè…

Rocca Croce Provenzale - Via Normale - Valle Maira
Croce-di-vetta-La-Provenzale

Davanti spicca la Torre Castello: è impressionante quella parete verticale. Accanto è presente la Punta Figari. Oltre, sulla mia destra il Monte Eigher , il Monte Albrage e la Costa Fissèla.

Torre-Castello-e-Punta-Figari

Alla mia sinistra, posso scorgere le cascate di Stroppia, il Brec de Chambeyron, l’Aiguille de Chambeyron, la Tête de la Frema e la Tête de l’Homme.

Ci godiamo il panorama ed un leggero vento, mentre sgranocchiamo qualcosa.

Poi, siccome il cielo inizia ad annuvolarsi, capiamo che è giunto il momento di rialzarsi.

Seguiamo il percorso precedentemente fatto e disarrampiancando, scendiamo con estrema cautela dalla Rocca Provenzale. Vogliamo evitare l’ultima parete, e dopo un primo tentativo, troviamo finalmente una cengetta erbosa che ci conduce al sentiero iniziale GTA.

Download file: Rocca-Croce-Provenzale-via-normale.gpx
Erika Ambrogio
Informazioni su Erika Ambrogio 174 Articoli
Super Advisor del circuito PiemonteNet e Advisor PiemonteAlps . Amo gli animali, la natura e tutto ciò che ha a che fare con la montagna.